N. 03-2014 – Biomedical Innovation Clusters

Tracking the street level location of biomedical publications, we reveal clusters of innovative activity within cities. Using the keywords describing the content of the publications we can further track the geographic flow of new ideas, and in turn, devise a measure of innovation capabilities in the biomedical sciences and in bio-pharmaceuticals. The geography of innovative output is established in two steps. First, clusters are aggregated by connecting all loci of production less than 1km apart. Once these connections have been [...]

By |2020-01-21T16:47:43+00:0023 Maggio 2014|Categorie: Farmaceutica, Working Papers, Working Papers SWITCH|Tag: , |

The Switch Project Latest Publications

The Switch Project Team has posted new items: A birds-eye view of SWITCH big data project, by Greg Morrison Demographic uncertainty, the financing mix and the sustainability of welfare system, by Luca Regis Biomedical Innovation Clusters, by Orion Penner and Massimo Riccaboni Mobility of Inventors in the Bio-pharmaceutical Industry, by Alexander Petersen The role of the pharmaceutical industry in the global input-output system, by Zhen Zhu Structure and Evolution of the Bio-Pharmaceutical Patent Network, by Greg Morrison SCARICA IL PDF [...]

03-2009 – Nuove politiche per l’innovazione nel settore delle scienze della vita

Le malattie rare, che colpiscono pochi pazienti nei Paesi sviluppati nonché quelle dimenticate del Terzo Mondo, rappresentano la nuova frontiera della ricerca biomedica, una delle sfide più pressanti alla globalizzazione dei diritti dei malati, e anche un’importante occasione di crescita economica e di sviluppo industriale per l’Italia. Lo afferma uno studio del Cerm elaborato da Fabio Pammolli, il direttore del centro studi, Massimo Riccaboni e Laura Magazzini. La nostra cultura troppo spesso ci porta a scorrere le classifiche dall'alto: i [...]

01-2007 – La distribuzione al dettaglio dei farmaci – tra regolazione efficiente e mercato

L’assetto normativo-regolatorio della distribuzione al dettaglio può incidere, oltre che sul livello di interazione concorrenziale tra le farmacie, anche sulle dinamiche competitive della produzione e sugli incentivi all’innovazione, modificando il livello dei prezzi al consumo attraverso sia i margini di ricavo delle stesse farmacie sia i prezzi ex-factory dei prodotti canalizzati al consumo (rimborsati e non rimborsati). È questa la ragione di fondo per cui con sempre maggior attenzione sono considerate ipotesi di riforma della distribuzione al dettaglio, e le [...]

Torna in cima