L’insostenibilie riforma delle pensioni

Entro il 20 ottobre il governo presenterà il disegno di legge di Bilancio, la vecchia Legge Finanziaria. Al netto di eventuali flessibilità aggiuntive, la cornice contabile è chiara. Dovremo conciliare due obiettivi apparentemente contrastanti: continuare nella riduzione graduale del deficit e del rapporto debito pubblico/Pil, ma anche dare corpo a una politica fiscale espansiva, che di impulso agli investimenti e riduca il carico fiscale sull’impresa e sul lavoro. Il rallentamento dell’economia ha acuito disuguaglianze che producono tensioni sociali, incertezza e [...]

Autore |2020-01-15T20:30:47+00:0016 Settembre 2016|Categorie: Editoriale, Finanza pubblica, La Stampa, Pensioni|

L’occasione di investire sui giovani

Le tinte fosche dipinte nel G20 di Hangzou ci raccontano di una prospettiva di rallentamento duraturo dell’economia mondiale. La situazione internazionale è grave, ma non segna certo un fato ineluttabile per l’Italia, chiamata invece a perseguire con ancor maggiore determinazione l’obiettivo della crescita. Certamente, la crescita non si ottiene per decreto, e la coperta delle risorse è corta. Tuttavia, interventi per il lavoro dei giovani e per gli investimenti sono possibili, ed è tempo d’indicare le linee guida di un [...]

Autore |2020-01-15T20:31:09+00:0005 Settembre 2016|Categorie: Editoriale, La Stampa|Tag: , , , , |

Credito, le insidie sulla strada del risanamento

Le prove sotto sforzo sostenute dai bilanci delle principali banche europee e italiane raccontano di una fuoriuscita dalla crisi che non può dirsi conclusa. Tuttavia, il risultato complessivo è di segno positivo e di tenuta, anche nell’eventualità, remota, di shock sistemici particolarmente intensi. Per inciso, viene da interrogarsi sulla fondatezza delle intemerate, d’intonazione inesorabilmente apocalittica, che ci raccontano di un sistema sempre sull’orlo del collasso, per poi proporre mantra salvifici, validi nel tempo e nello spazio. Nel sistema bancario italiano, [...]

Autore |2020-01-15T20:31:25+00:0007 Agosto 2016|Categorie: Editoriale, La Stampa|Tag: , , , |

Per salvare le pensioni bisogna defiscalizzare il futuro dei giovani

L'aumento dell'aspettativa di vita, la riduzione dei tassi di fertilità e la scarsa crescita rischiano di rompere il patto tra generazioni. Vanno assicurati contributi più leggeri per gli italiani under 25. LEGGI L'ARTICOLO

Gli scandali non affossino l’opportunità federalista – Corriere della Sera

Ostacoli - All'Italia servono meno spesa e più efficienza: a garantirle non saranno pulsioni neocentraliste Sembra non finire mai la transizione istituzionale che ha segnato i rapporti finanziari tra lo Stato e gli enti locali sin dai decreti Stammati degli anni Settanta. Come allocare le risorse pubbliche per i servizi ai cittadini? La Legge 42 del 2009 superava il criterio della spesa storica, secondo cui chi più ha speso in passato, più riceverà in futuro. Si passava a un [...]

Autore |2020-01-15T20:51:16+00:0006 Gennaio 2015|Categorie: Corriere della Sera, Editoriale|Tag: , |

Le illusioni dello spread in discesa. Le verità (crude) dell’economia reale – Corriere della Sera

Occorre uscire dal vicolo cieco dei sacrifici in nome della riduzione del deficit. Non ci sarà ripresa per l'Italia con l'inflazione così bassa nell'eurozona. LEGGI L'ARTICOLO

Autore |2020-07-03T14:41:22+00:0023 Febbraio 2014|Categorie: Corriere della Sera, Editoriale|Tag: , , |

Ridurre il cuneo contributivo per i giovani, per tornare a crescere

In Italia, l’aliquota di contribuzione obbligatoria al sistema pensionistico pubblico per il lavoro dipendente è alta, il 33% della retribuzione annua lorda, di cui 8-9 punti percentuali a carico del lavoratore e 24-25 punti a carico dell’impresa. La maggior parte del cuneo sul lavoro dipendente (differenza tra costo del lavoro per l’impresa e retribuzione netta per il lavoratore) è costituita dai contributi pensionistici (oltre il 70% del totale). Una contribuzione così elevata è all’origine, assieme al processo d’invecchiamento della [...]

Autore |2020-01-15T20:57:46+00:0002 Maggio 2013|Categorie: Corriere della Sera, Editoriale, Lavoro, Pensioni|
Torna in cima